Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

 

 

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

 

Il Piano dell’Offerta Formativa (POF), introdotto con l'art. 3 del DPR 275/99 ed espressione dell'autonomia didattica e organizzativa di ciascuna scuola, è realizzato faceno riferimento alle proprie risorse interne, umane e culturali.

Si tratta di un progetto educativo non somma di singole iniziative, ma risultato dell’attività del Collegio dei Docenti che, partendo dalla riflessione su valori educativi condivisi, elabora, in momenti successivi, le strategie e gli strumenti atti a conseguirli, cercando di rispondere a bisogni reali e attese legittime di famiglie e studenti, anche in rapporto e in collaborazione con il territorio.

Il P.O.F. si presenta, dunque, come uno strumento di orientamento e di comunicazione che accompagna lo studente e la famiglia per tutto il percorso scolastico nonché come punto di riferimento indispensabile per l’organizzazione didattica e organizzativa della scuola nel suo complesso.

Esso deve essere conosciuto da tutti e tutti devono concorrere alla sua realizzazione ed al suo continuo miglioramento; le attività annuali e la struttura organizzativa che devono sostenerne l'elaborazione hanno, infatti, bisogno di essere annualmente aggiornate, pur mantenendone le scelte educative di fondo. Pertanto deve essere continuamente monitorato, valutato, modificato ed integrato con modalità e strumenti che rispondano a criteri di chiarezza e coerenza, affinché esso contribuisca sempre meglio alla realizzazione del progetto educativo della scuola e risponda adeguatamente alle esigenze formative degli studenti nell’interesse loro e delle famiglie.

In questa sezione è possibile scaricare l'elenco dei progetti presentati dai docenti all'inizio dell'anno scolastico di riferimento, approvati dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d'Istituto. Per alcuni progetti dell'anno scolastico in corso è stato richiesto un finanziamento tramite adesione ad un bando; la loro attivazione è subordinata all'esito positivo di tale richiesta.

 


 

PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA - 2016/2019

 

Il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF), che decorre dall’anno scolastico 2016-2017, è stato elaborato dal Collegio dei Docenti, ai sensi di quanto previsto dalla legge 13 luglio 2015, n. 107 recante la “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dalla Dirigente Scolastica con proprio atto di indirizzo prot. N7648A1D del 30 settembre 2015. 

Il Piano ha ricevuto il parere favorevole del Collegio Docenti ed è stato approvato dal Consiglio d’Istituto nelle sedute del 12 gennaio 2016; sono state, successivamente, apportate alcune modifiche ed integrazioni per le quali è stata acquisita l'approvazione del Collegio Docenti in data 24 ottobre 2017 e del Consiglio d'Istituto in data 31 ottobre 2017.

Il PTOF rappresenta non solo un documento con cui la nostra scuola dichiara all’esterno la propria identità, ma un programma completo e coerente di strutturazione del curricolo, di attività, di logistica organizzativa, di impostazione metodologico-didattica, di utilizzo, promozione e valorizzazione delle risorse umane e materiali con le quali l'Istituto intende perseguire gli obiettivi e le finalità dichiarate.

In quest’ottica la nostra scuola si pone come missione quella di "assicurare la migliore formazione possibile al maggior numero di studenti possibile", impegnandosi a raggiungere, anche per il futuro, quegli standard qualitativi che l'hanno sempre contraddistinta.

 


 

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO

 

Alla luce delle disposizioni emanate dalla L.107/2015, una delle prerogative dell'Istituto, sul piano didattico-metodologico, è costituita dall'Alternanza Scuola-Lavoro, supportata dalla rete di rapporti con enti, associazioni, fondazioni, cooperative, imprese con i quali l'Istituto ha intessuto negli anni e che accolgono i nostri studenti nelle esperienze di tirocini/stage formativi, corsi o seminari di formazione nei settori della ricerca universitaria, della promozione e valorizzazione dei beni artistici, paesaggistici e culturali, dei servizi educativi, dei servizi socio-sanitari, del benessere, della moda e della produzione sartoriale. Il potenziamento dell’offerta formativa tramite l'Alternanza Scuola-Lavoro trova puntuale riscontro nella Legge 107/2015, che ha inserito organicamente questa strategia didattica nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione. In base al corso di studi prescelto, la legge 107/2015 stabilisce un monte ore (400 per gli istituti Tecnici e Professionali, 200 per i Licei) per attivare le esperienze di alternanza che, dall'A.S. 2015/2016, coinvolgono tutti gli studenti a partire dalla classe terza.

L’Alternanza Scuola-Lavoro si innesta all’interno del curricolo scolastico e diventa componente strutturale della formazione “al fine di incrementare le opportunità di lavoro e le capacità di orientamento degli studenti”.

La dimensione dell'Alternanza Scuola-Lavoro è quindi curriculare: la guida operativa del MIUR la identifica come uno dei pilastri fondanti il curricolo che la scuola deve sviluppare.

 


 

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

 

Il processo di valutazione, definito dal SNV, inizia con l'autovalutazione. Lo strumento che accompagna e documenta questo processo è il Rapporto di autovalutazione (RAV).

Il rapporto è composto da più dimensioni ed è aperto alle integrazioni delle scuole per cogliere la specificità di ogni realtà senza riduzioni o semplificazioni eccessive. Il rapporto fornisce una rappresentazione della scuola attraverso un'analisi del suo funzionamento e costituisce inoltre la base per individuare le priorità di sviluppo verso cui orientare il piano di miglioramento.

 


 

PIANO ANNUALE PER L'INCLUSIVITA'

 

La normativa (Direttiva MIUR 27/12/2012C.M. n° 8/13) prevede come strumento programmatorio la formulazione del Piano Annuale per l'Inclusione (PAI) che deve essere predisposto dal GLI (Gruppo di Lavoro per l'Inclusione che comprende al suo interno il vecchio GLHI) e deve essere approvato dal Collegio dei Docenti. 

Il PAI è uno strumento che può aiutare a contribuire ad accrescere la consapevolezza dell’intera comunità educante sulla centralità e la trasversalità dei processi inclusivi in relazione alla qualità dei “risultati” educativi, per creare un contesto educante dove realizzare concretamente la scuola “per tutti e per ciascuno”.  

Il  PAI del nostro istituto indica le scelte metodologiche finalizzate all’attuazione di percorsi capaci di favorire pari opportunità per tutti gli alunni e si propone di individuare strategie didattiche ed organizzative che, favorendo il percorso di apprendimento degli alunni che necessitano di specifiche esigenze educative, risulti capace di offrire loro un contesto più efficace.

  

   

(non ancora attivo)

 

 

 

Contatti

INDIRIZZI

Via degli Asili, 35 - 55100 LUCCA (Liceo Classico Machiavelli)

Via San Nicolao, 42 - 55100 LUCCA (Liceo delle Scienze Umane Paladini e Istituto Professionale Civitali)

(le comunicazioni cartacee devono essere indirizzate in Via San Nicolao; la segreteria didattica dell'ISI Machiavelli si trova presso la sede dell'Istituto Civitali, la segreteria amministrativa presso la sede del Liceo Paladini)


Tel:           

Liceo Classico Machiavelli

+39 0583/496471-490549 

Liceo delle Scienze Umane Paladini

+39 0583/496542

Istituto Professionale Civitali

+39 0583/493176-492283


Fax:          +39 0583/954094

Email:       Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC:         Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

Seguici su Facebook

Vai all'inizio della pagina